Quante volte hai usato un tagliere in vita tua? E quali fattori hai valutato per comprarne uno veramente adatto? Oppure hai acquistato d’impulso per via della necessità?

Dal legno alla plastica alla carta compressa e altri materiali, come polietilene, e acciaio inossidabile, ecco come acquistare il tagliere che fa per te. In questa guida andremo ad analizzare tutti i fattori possibili per fare la migliore scelta possibile.

Quante ore al giorno trascorri su un tagliere? Anche se sono solo, diciamo, 15 minuti, quel tempo si somma davvero nel corso delle settimane. Ti meriti di spenderlo comodamente usando un tagliere con cui ti senti bene, uno che sia attraente, risponda bene mentre tagli e sia dimensionato per adattarsi al compito da svolgere.

Per un oggetto così semplice, ci sono molti fattori da considerare quando si seleziona un tagliere professionale. Un tagliere sembra relativamente buono e sembrano non esserci differenze vero? Ma un uso improprio può renderlo uno degli oggetti più carichi di batteri in una cucina.

Ecco come scegliere un tagliere adatto al tuo budget e al tuo stile di vita e come mantenerlo sicuro e igienico.

Cose da considerare quando si sceglie un tagliere
Prima di tutto rilassati. Potresti aver sentito tutti i tipi di affermazioni su determinati tipi di taglieri non sicuri. Sappi che qualsiasi materiale del tagliere è sicuro fintanto che aderisci alle pratiche raccomandate per la manipolazione e l’igiene degli alimenti (di cui parleremo, non preoccuparti).

Ecco i fattori da valutare quando si seleziona un tagliere da cucina.

È adatto ai coltelli? Più dura è la superficie, più consuma il tuo coltello nel tempo.
È facile da pulire? Puoi metterlo in lavastoviglie? Devi lavarlo a Mano? In che modo può essere lavato senza rovinarlo?
È facile da mantenere? Necessita di un trattamento specifico periodico?
Quanto costa? che valore aggiunto ti darà indietro?
Quanto è durevole e longevo? Ogni quanto dovrai sostituirlo?
Quanto è grande? Che spazio hai a disposizione per usarlo e per riporlo?

Venature del Legno sul tagliere

I taglieri in legno con venature del legno sono realizzati con legno che è stato tagliato con le venature. Ciò significa che la parte superiore della tavola mostra lunghe fibre di legno. I taglieri con bordo legno e venature sono il tipo più comune di tagliere in legno, perché di solito sono i più convenienti.

È più probabile che le tavole a grana con venature hanno resistono maggiormente ai tagli del coltello presenti sulla superficie, perché le lunghe fibre di legno non danno molto sotto la lama del coltello. (Pensa: stai tagliando le fibre dell’albero su un tagliere a grana con venature.) I coltelli si danneggiano più facilmente usando questo tipo di tagliere particolarmente duro e resistente. Questo è anche il motivo per cui i taglieri a grana con venature sono considerate un po’ più resistenti sui coltelli rispetto alle tavole a grana fine.

I taglieri in legno a grana fine sono realizzati fondendo insieme pezzi di legno a sezione trasversale. Ciò significa che la parte superiore della tavola mostra gli anelli del legno invece della vista laterale (la lunghezza) del legno. Le tavole a grana fine hanno spesso uno spessore di pochi centimetri e, poiché sono più difficili da costruire, costeranno quasi sempre più di una tavola a grana tagliente.

Tagliere in Legno a grana fine

Le fibre di legno delle tavole a grana fine si recuperano dall’uso meglio delle tavole a grana di bordo, portando a un minor numero di scanalature nella tavola. In questo senso, un tagliere a grana fine è più resistente. È anche più delicato sui coltelli, perché le fibre di legno hanno più elasticità.

Tuttavia, poiché molti pezzi di legno sono incollati insieme per crearne uno, una tavola a grana fine è potenzialmente più suscettibile all’umidità se non adeguatamente curata. Questo perché il legno tagliato contro la venatura assorbe più acqua rispetto al legno tagliato con la venatura. (L’assorbimento è uno svantaggio in un tagliere, perché vuoi che rimanga asciutto e privo di batteri.)

Se una tavola a grana fine viene lasciata ripetutamente bagnata, le cuciture possono staccarsi nel tempo e creare minuscole voragini per ospitare i batteri. Ma tieni presente che il trattamento periodico con olio minerale o crema per il legno aiuta a prevenire l’assorbimento dell’umidità e la formazione di crepe da parte di qualsiasi tagliere, a grana fine o bordo. È particolarmente importante con un tagliere a grana fine.

Allora che ne dici di quella faccenda delle tavole con venature che sono un po’ più “dure” sui coltelli?

Potrebbe essere un grosso problema se tagli molto, ma se non lo fai, non preoccuparti. Il fatto è che qualsiasi tagliere di legno sarà più delicato sul tuo coltello rispetto a un altro materiale come vetro, corian o metallo.

Taglieri in acero, quercia e ciliegio

Con una buona cura, i taglieri in legno sono sicuri, delicati sui coltelli e durevoli. I taglieri in legno hanno anche una vasta gamma di prezzi, con quelli semplici che costano a partire da circa 20 euro e quelli pesanti fatti a mano che arrivano a ben oltre i 200.

I legni duri densi come acero, noce, ciliegio, faggio e teak sono i taglieri più resistenti. I pori più piccoli di questi legni impediscono ai batteri di penetrare nella superficie della tavola e rendono più difficile per i coltelli creare scanalature dove i batteri possono nascondersi. E il legno contiene naturalmente composti antimicrobici, come i tannini.

Cura dei taglieri in Legno

Non mettere mai un tagliere in legno in lavastoviglie. Lo rovinerai. Il calore elevato e i detersivi aggressivi spaccheranno e deformeranno un tagliere di legno.

Taglieri di bambù

I taglieri in bambù  sono economici e provengono dal bambù, una pianta che è più sostenibile del legno. Una tavola di bambù è piuttosto leggera ma durerà a lungo se la curi. Puoi ottenere taglieri di bambù decenti per a partire da  10 euro o meno, fino a € 150 per quelli robusti.

Proprio come il legno, i taglieri in bambù sono disponibili negli stili a grana fine e con venature. La grana fine è più costosa. Il bambù è più duro del legno, quindi le assi di bambù smusseranno il tuo coltello più velocemente di quelle di legno. Tuttavia, possono essere una buona scelta economica se si desidera l’aspetto del legno con il vantaggio della sostenibilità.

Cura dei taglieri in Bambù

La cura del tagliere in bambù è la stessa del legno: non lavabile in lavastoviglie e va mantenuto periodicamente con olio per legno.

Taglieri in plastica: non sono sempre i più sicuri

I taglieri in plastica  sono disponibili in molte dimensioni, colori e stili. Non li trasmetterai come cimeli di famiglia, ma sono un’opzione conveniente che non smussano i coltelli e, se curati, non si deformano o si spezzeranno. Aspettati di pagare poco per taglieri in plastica basilari €  100 per un modello commerciale di fascia alta.

Nessun tagliere di plastica durerà quanto un tagliere di legno o bambù. Le tavole di legno si autorigenerano, il che significa che le loro fibre rimbalzano leggermente dal filo di un coltello.

Sui taglieri di plastica, ogni taglio sulla superficie rimane lì per sempre. Più scanalature su un tagliere significa più posti per nascondere i batteri. Pertanto, i taglieri in plastica non sono così sicuri dall’ospitare batteri come ci è stato fatto credere, e infatti, i taglieri in legno potrebbero avere proprietà antimicrobiche migliori.

Non tutte le materie plastiche sono uguali. Ad esempio, il polietilene ad alta densità (HDPE) è più resistente del polietilene standard (PE). Quando acquisti un tagliere, se menziona il tipo di plastica di cui è fatto, è probabilmente più resistente di un comune tagliere generico.

Ti raccomandiamo di scegliere in ogni caso taglieri privi di Bisfenolo.

Leggi l’articolo sui prodotti privi di BPA

Quando Sostituire un Tagliere di Plastica

Quando vedi molti segni di coltello su quel tagliere di plastica, è tempo di prenderne uno nuovo. Più sono gli angoli e le fessure, più è difficile pulire e igienizzare. La frequenza con cui devi sostituire un tagliere di plastica dipenderà dalla frequenza con cui lo usi, ma in generale, se la superficie sembra ruvida e ispida, è ora di procurarsene  uno nuovo.

Ci sono pareri contrastanti su come mettere i taglieri di plastica in lavastoviglie. Alcuni enti  dicono che va bene, ma il calore della lavastoviglie può ammorbidire alcune materie plastiche in modo che si chiudano sulle scanalature contenenti batteri nella tua tavola, creando sacche di batteri. Ti consigliamo di fare riferimento alle raccomandazioni del produttore per la pulizia.

Taglieri di Materiali compositi(Epicurei)

I taglieri compositi ti danno il meglio di tanti campi diversi.

Siamo fan di lunga data dei taglieri epicurei, realizzati in Richlite, un composito di carta. Non sono così delicati sui tuoi coltelli come il legno, ma sono lavabili in lavastoviglie, quasi impossibili da macchiare, non richiedono oliatura e sono disponibili in molte dimensioni e stili.

Se ami i taglieri in legno ma desideri qualcosa di più facile da curare e altrettanto resistente, prova uno di questi realizzati in materiale composito.

Non consigliamo taglieri in vetro, marmo, granito o Corian. Queste superfici sono molto dure e renderanno il tuo coltello inutilizzabile rapidamente.

I Vantaggi di scegliere un tagliere in Acciaio Inox

Il principale vantaggio di usare taglieri in acciaio inossidabile sono gli standard di pulizia elevatissimi, non rilasciano particelle e non accumulano batteri sulla superficie del tagliere. Niente assorbimento di sostanze o liqudi, garantiscono un’igiene profonda. Facili e comodi da lavare sia con acqua e sapone a mano e in lavastoviglie. A differenza degli altri materiali descritti.

I taglieri in acciaio inox sono comodi per appoggiare pentole e padelle e contenitori caldi, perché è resistente al calore, alla corrosione all’usura e agli urti con materiali duri. Garantiscono un’elevata longevità del tagliere.

 

Altri suggerimenti per aiutarti a scegliere il tagliere giusto per te

  • UTILIZZA PIÙ TAGLIERI: designa diversi taglieri per determinati alimenti se sei preoccupato per la contaminazione incrociata. Puoi acquistare set di taglieri di plastica con codice colore (verde per frutta e verdura, blu per pesce, giallo per pollame, rosso per carne) per distinguerli facilmente.
  • DIVERSE DIMENSIONI PER DIVERSI LAVORI: se cucini molto, tieni a portata di mano taglieri di diverse dimensioni: uno piccolo per lavori veloci come affettare formaggio o frutta, e uno grande per tagliare cose più grandi come la zucca invernale o abbattere un pollo intero. In generale, più spazio devi lavorare, più veloce sarà la tua preparazione.
  • PIEDINI ANTISCIVOLO: I piedini antiscivolo sul fondo di un tagliere impediranno che scivoli. (Oppure prova a mettere un tovagliolo di carta umido sotto il tagliere.)
  • SE SEI ALTO: Se sei alto, compra un tagliere spesso. Questo solleva la superficie di lavoro in modo da non doversi piegare troppo. È tutta una questione di ergonomia e può fare una grande differenza in termini di comfort nei giorni in cui prepari molto! (Puoi anche impilare alcuni taglieri più sottili, che è quello che facevo nei miei giorni di cucina al ristorante.)
  • SE SEI BASSO: Viceversa, se sei basso, da un tagliere non troppo spesso.
  • NESSUN GOCCIA: Stanco del liquido che gocciola sul bancone? Cerca un tagliere con una scanalatura per il succo. Questa è la trincea all’interno del perimetro del tagliere che raccoglie i liquidi quando si tagliano frutta o verdura molto succose, come pomodori o anguria, o si taglia la carne cotta a caldo. Un solco poco profondo o più stretto non regge molto ed è principalmente cosmetico.
    EVITARE LE MANIGLIE: i taglieri con i manici tagliati possono essere un leggero fastidio. Sì, sono utili per afferrarli rapidamente o appenderli per la conservazione, ma mentre tagli, frammenti di cibo possono cadere nello spazio aperto, creando un piccolo pasticcio. Dal momento che non puoi usare quell’area come superficie di taglio, una maniglia rende essenzialmente il tuo tagliere più piccolo.
    DIVENTA FLESSIBILE: i taglieri in plastica flessibile sono fragili e non dureranno molto a lungo, ma la loro fragilità è un vantaggio: puoi curvarli per creare un imbuto per scaricare i cibi direttamente in una ciotola o padella.

Ora sei pronto a scegliere il tagliere migliore per te?