Un quesito che attanaglia molti consumatori che si avvicinano alla frittura ad aria, cioè senza olio, in cerca di un modo sano e veloce per friggere ed avere dei cibi salutari ma comunque gustosi e croccanti, come con la frittura tradizionale, è chiedersi se la friggitrice ad aria fa veramente male, o è solo un luogo comune.

Gusto, leggerezza, velocità e meno calorie hanno fatto diventare le friggitrici ad aria un prodotto ricercatissimo sia online che nei negozi di piccoli elettrodomestici.

Un ulteriore vantaggio di friggere ad aria è non solo avere meno grassi e calorie, ma anche ridurre la produzione di acrilamide, una sostanza generata in fase di frittura nei cibi ad alto contenuto di carboidrati.

Si tratta di un composto potenzialmente cancerogeno, e in questo senso la friggitrice ad aria abbatte questa produzione di circa il 90% rispetto al metodo di frittura tradizionale.

Cosa dice Altroconsumo?

In un test effettuato su 15 modelli di friggitrici( di cui 3 friggitrici ad aria), il sito Altroconsumo.it ha riportato
che nel friggere le patatine fritte ad esempio, le friggitrici ad olio producono fritture più gustose e croccanti di quelle ad aria, anche se con uno scotto da pagare in salute. Le valutazioni sul prezzo di modelli ad olio o ad aria sono comunque varie e molto diverse da un modello ad un altro e, assodato il fatto che le friggitrici siano un elettrodomestico che consuma parecchia corrente elettrica, le friggitrici ad aria tendono a consumare di più delle loro omologhe ad olio.

Le friggitrici ad aria fanno ingrassare?

A quanto pare no. La differenza di calorie apportate da una frittura ad olio ed una frittura ad aria è di circa il triplo a sfavore delle fritture fatte tradizionalmente ad olio. Nel caso di patatine fritte ad aria, l’apporto calorico è equivalente alle patate bollite, o prossimo.

Un ulteriore vantaggio di friggere ad aria si può valutare nella frittura di calamari. Chi non ama la frittura di calamari? Profumata, friabile, gustosa. Usare una friggitrice ad aria, utilizzando una piccolissima quantità di olio o per niente, non produce il classico odore di olio fritto che permane nelle nostre case.

Recensioni negative

Ovviamente anche qui la qualità conta. Scegliere la giusta friggitrice ad aria non prescinde dal prodotto di qualità. Le differenze fra i modelli top e quelle medie sono soprattutto nella fattura e materiali di fabbricazione. In genere i modelli peggio recensiti hanno come caratteristica di produrre un odore di plastica “importante” e capita che ci siano modelli che cuociono più come un forno ventilato che come una friggitrice vera e propria, ma scegliendo dei modelli top questo non accade. Se sei un assidua compratrice online, sicuramente avrai cercato qual è la migliore friggitrice ad aria su Amazon.

La cosa importante è osservare bene i prodotti che si vogliono acquistare e poi scegliere dopo un’attenta valutazione.

E tu, hai già scelto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *