La bicicletta è da sempre una passione per sportivi, professionisti o amatori che siano. Quando arriva la primavera si sfodera il proprio ciclo per uscire, ed accumulare chilometri per tutta la stagione, ma anche in estate.

Non siamo tutti professionisti, ma alcuni anche a livello amatore non scherzano come dotazione, competenza e conoscenza del mezzo, e anche performance.

Il ciclismo anche a livello amatoriale è molto amato per stare in forma, ed affrontare percorsi all’aria aperta, boschi e sentieri, ma anche percorsi cittadini con buona soddisfazione del fisico e della vista, soprattutto se si sceglie bene il percorso che vogliamo fare.

E per chi inizia, e poi si appassiona alla pratica del ciclismo, non necessariamente competitivo, sicuramente dopo un po la voglia di mettersi in gioco ed andare oltre viene fuori, la voglia di superare sempre i limiti raggiunti poco prima.
Si comincia con una dotazione base, per poi magari appassionarsi a Ciclocomputers, accessori, kit da ciclo, abbigliamento di settore, calzature ad hoc e modelli di bici, che sia da corsa, da strada, mtb(mountain bike), o bici elettrica.

L’ultima ma non ultima di questa lista è da un medio periodo sotto i riflettori, perché spesso non tutti siamo portati a scalare percorsi con dislivelli di altitudine elevati e salite impervie. In questo ci viene incontro la bici elettrica, o 100% elettrica, oppure le biciclette dotate della cosiddetta pedalata assistita, che entrano in nostro aiuto quando il gioco in salita si fa duro. Come dicevo non siamo tutti esperti di cronoscalata, e anche se con applicazione e passione possiamo migliorare, le bici con la pedalata assistita sono un buon compromesso per risolvere i sentieri più dislivellati.

Per questo, in commercio c’è solo l’imbarazzo della scelta quando si parla di bici elettrica, tantissime sono le marche, i modelli, e le dotazioni che differiscono me molti parametri, come durata della batteria, potenza in watt, tipologia di bici e quant’altro.

Ma ad esempio, se volessi approcciare alla pedalata assistita, questa caratteristica della bici elettrica spesso risolutiva per molti, e avessi ad esempio già una bici di qualità elevata? Magari l’ho comprata da poco, oppure ci tengo molto per valore affettivo, ed ha un valore economico anche considerevole, e non la volessi cambiare?

Kit Conversione da Bici a E-Bike, cosa trovo?

In questo caso c’è la possibilità con un investimento a volte importante, altre abbordabile ai più, di scegliere kit per trasformare la nostra bici in una bici elettrica in tutto e per tutto, e goderci le salite senza sforzo o meglio senza sforzo eccessivo.

I Kit bici elettrica sono la giusta dotazione per rendere una bici in tutto e per tutto come una bici elettrica, potendone sfruttare i vantaggi nelle nostre uscite da bikers.

Non sempre è facile montare un kit di conversione da bicicletta a e-bike, e capita che alcuni modelli siano ostici e con poche istruzioni, ma con la giusta dose di pazienza possiamo toglierci molte soddisfazioni, il risultato vale lo sforzo.

Un kit ordinario di conversione da bicicletta a bici elettrica comprende in genere:

Motore, controller, staffa per il motore, catena, volano, piastre e connettori. I livelli di qualità ritrovabili on line sono diversi e anche le dotazioni, ma sapendo leggere bene le recensioni posso fare la mia scelta in tutta tranquillità.

Un parametro importante da considerare sono le dimensioni della bici da adattare ad elettrica, perché il kit varia in base alle dimensioni in pollici del modello di bicicletta.

I kit motore elettrico per bicicletta più amati sono quelli che hanno il propulsore posizionato nella parte centrale.

La presenza del motore nella parte centrale, tra i pedali, riduce le dimensioni dello stesso, e aumenta la coppia motrice, abbinando la funzionalità del motore con le marce della parte della ruota posteriore. Tutto ciò fa di una bici una conversione in e-bike potente e funzionale, capace di affrontare anche le salite più difficili.

Diversi sono i parametri di scelta del modello più adatto alla nostra necessità, tra cui la completezza delle istruzioni per il montaggio, difficoltà a cui vanno incontro meno avvezzi alla sperimentazione, passando per il motore, e le sue caratteristiche di potenza, e alla dotazione di accessori, come la ruota completa in alcuni modelli che ne facilita il montaggio. Anche la potenza della batteria diventa un parametro importante.

Offline, nei negozi specializzati di sport, come ad esempio Decathlon, è possibile trovare soluzioni di conversione di bicicletta a bici elettrica, ma anche Amazon ci viene incontro con diverse possibilità di scelta.

Per chi cerca un kit bici elettrica economico, dotato di batteria, va detto che non sempre il termine economico con affidabile e potente vanno d’accordo. Spesso bisogna far attenzione alla natura del produttore, oppure di chi si occupa della vendita del prodotto e della sua distribuzione, per non incorrere in kit bici elettrica cinesi. Non mettiamo in dubbio che i kit cinesi siano di qualità, al massimo quello che si può dire è che una volta che siamo certi che il prodotti di converisone provenga dalla cina, sapremo che i tempi di spedizione dall’Asia possono essere più lunghi rispetto ad un normale ordine online.

E tu, quale bici con pedalata assistita hai? Una E-Bike completa, oppure stai pensando di convertire la tua Bici in elettrica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *