Negli ultimi anni la proposta dei canali televisivi è molto cambiata; o meglio, i canali tradizionali, quelli classici e più noti, continuano a proporre la medesima televisione, fatta di talk show, quiz televisivi, fiction e approfondimento. Sono invece nati, soprattutto dopo l’avvento del digitale terrestre, numerosi nuovi canali televisivi. Alcuni in stile tradizionale, quindi con il classico palinsesto che varia nel corso della giornata; altri invece con una proposta diversa, solitamente monotematica. Quindi se si vuole decidere cosa vedere stasera in TV la scelta è ampia e variegata.

I canali in stile tradizionale

Tutti conosciamo i canali televisivi italiani tradizionali, tra cui possiamo citare i 3 canali RAI, i 3 canali Mediaset più qualche piccola aggiunta, tra cui ad esempio La7. Questi canali televisivi hanno un palinsesto del tutto tradizionale, per certi versi molto simile a quello disponibili anche 20 anni fa. Al mattino programmi di intrattenimento generici, i telegiornali almeno 3 volte al giorno, la prima serata che propone qualche programma più interessante o i grandi film del cinema, spesso internazionale. Oltre ai 6-7 canali tradizionali, se ne trovano altri che hanno un palinsesto simile, come ad esempio Nove, o RAI 4.

I canali “nuovi”

Il termine “nuovi” è abbastanza azzardato, perché in effetti vorremmo parlare di canali televisivi che vanno in onda sul digitale terrestre ormai da molti anni. Parliamo però di palinsesti che si discostano in modo sostanziale da quello dei canali tradizionali. Questo perché si tratta di palinsesti dedicati, a un singolo argomento o a una tipologia di programma TV. AD esempio su IRIS vanno in onda quasi esclusivamente programmi dedicati al cinema, o anche film. Italia” trasmette serie TV e anime giapponesi; Cielo è il canale delle serie TV americane, mentre Real-time trasmette quasi esclusivamente reality di vario genere. Oggi, considerando il numero totale dei canali televisivi visibili in Italia, la maggior parte è costituita da canali dedicati a un singolo argomento. Che può essere i cartoni animati su Nickelodeon o su Disney channel, i documentari sui canali di National Geographic, le commedie e i programmi cominci su Comedy Central.

 

I programmi in streaming

Negli ultimi anni poi l’offerta si è ulteriormente arricchita grazie ai canali in streaming, a pagamento e no. Si tratta di un nuovo modo di vedere la TV, non più passivo ma completamente attivo, almeno nella scelta del palinsesto. Invece di un palinsesto predefinito, l’offerta consta in un ampio catalogo di contenuti multimediali, da sfruttare come meglio si crede. Ad esempio è possibile guardare un’intera serie TV, dalla prima puntata all’ultima, senza soluzione di continuità. Oppure si possono scegliere documentari, il grande cinema, contenuti esclusivi, prendendo ciò che si desidera nel momento che si preferisce.

 

A pagamento

In più da alcuni decenni anche in Italia sono disponibili le offerte a pagamento, fruibili tramite una parabola satellitare, o oggi anche tramite la rete. L’offerta è costituita da pacchetti di canali televisivi, per i quali si paga una cifra fissa al mese. In più sono presenti anche canali on demand: si paga solo per i contenuti effettivamente fruiti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *