Quella del tatuatore è professione artistica per lo meno originale, a partire dai suoi strumenti e dai supporti su cui lavora questo artista. Ma non solo. Oggi è un mestiere sempre più ricercato e per questo le opportunità di formazione sono sempre più disponibili e alla portata, come il corso per tatuatore a Roma, un vero e proprio master per appassionati che forma i professionisti dell’oggi e del domani.

Ma vediamo qualche informazione in più su questa professione e sul miglior corso per tatuatore presente sul mercato.

Evoluzione del tatuaggio: un po’ di storia

Dalla metà degli anni ’90, il tatuaggio è stato oggetto di notevole entusiasmo nelle società occidentali. Questa attrazione per una pratica fino a quel momento ad appannaggio esclusivamente maschile, deviante e popolare deve molto a un processo di ridefinizione e delocalizzazione sociale, avviato negli anni ’80. Nuovi spazi di scambio, come riviste specializzate, convention di tatuaggi e poi il Web, hanno contribuito a ricollocare il tatuaggio nell’ambito della mera espressione individuale ed estetica di sé. Il crescente ricorso a questa pratica ha anche giocato a favore di sviluppi tecnici, grafici e sanitari, con un miglioramento della macchinetta del tatuaggio, la composizione di modelli personalizzati e la sterilizzazione del luogo e delle apparecchiature di inchiostrazione.

Questi cambiamenti hanno incoraggiato l’afflusso di una clientela precedentemente resistente alla pratica. Le donne costituiscono ora dal 50 al 60% della popolazione praticante, che si è diffusa in altri strati sociali, noti come “classe media”, anche se il tatuaggio mantiene un forte ancoraggio popolare.

Professione tatuatore

Una delle prime qualità della professione tatuatore è quella dell’ascolto. In effetti, il tatuatore deve identificare chiaramente i desideri del suo cliente, quindi cercare di conciliarli con le sue capacità personali in base alla parte da tatuare, alla specificità della pelle e al suo colore. Ha anche un ruolo preventivo e di controllo. Il tatuatore deve informare il cliente su vari punti come dolore, rischi e buon comportamento da avere, conoscere possibili problemi di salute. Quindi, può giudicare la serietà dell’approccio del cliente. Un tatuaggio è “definitivo”, il laser ancora molto difficile da eliminare. I minori non possono essere tatuati (salvo autorizzazione dei genitori) né le donne incinte.

Reattivo e fonte di proposte, può guidare un cliente e consigliarlo. Questo artista che veste la pelle deve sottostare a regole igieniche essenziali. Gli aghi che entrano sotto l’epidermide, possono causare sanguinamento e quindi consentire contaminazioni del sangue (epatite, AIDS, ecc.). Per questo le punte sono usa e getta, la sterilizzazione deve essere impeccabile e il tatuatore indossa dispositivi di protezione individuale (guanti, occhiali, maschere, ecc.)

Sebbene democratizzato, il tatuaggio soffre ancora di cliché ostinati. Tatuatori e clienti lo sanno bene. Quindi è consigliabile avere un buon rapporto con i tuoi colleghi, così come produrre un lavoro di qualità e fornire buoni consigli aiuta a farti (ri) conoscere. Ottimo disegnatore, il tatuatore è un bravo tecnico ma soprattutto una persona appassionata.

Formazione

Dopo la ricerca e per quanto sorprendente possa sembrare, non sembra esserci alcuna qualifica di tatuatore riconosciuta dallo stato, ma tutti i corsi sono riconosciuti a livello regionale e permettono di esercitare anche oltre i confini di quest’ultima.

Un corso regionale tatuatore può essere un buon modo per avere basi tecniche nel disegno proprio come le classi preparatorie e nello studio della strumentazione e delle regole igieniche necessarie ad esercitare la professione.

È quindi obbligatorio solo un corso di formazione di almeno 90 ore in norme igieniche e regole grafiche con enti autorizzate.  Per un corso da tatuatore il prezzo varia da 500 a 2000 euro a seconda dell’organizzazione e del numero di ore previste dal pacchetto scelto.

Così con il certificato ottenuto al termine di questa formazione, il tatuatore può o aprire il proprio salone, oppure presentarsi ad un altro tatuatore come stagista o dipendente alle prime armi. Questa seconda opzione dovrebbe essere favorita per il semplice motivo che è il modo migliore per imparare questa professione e progredire rapidamente. In effetti, per diversi mesi, si può sicuramente imparare la tecnica, ma anche la gestione di una fiera, i clienti … ecc. I primi mesi con un professionista saranno dedicati a compiti basilari ma altrettanto importanti: accoglienza clienti, disegno, sterilizzazione attrezzi, preparazione postazione lavoro, pulizia, ecc. Dopo solo diversi mesi, si può considerare di iniziare a tatuare. E solo dopo diversi anni di pratica, un tatuatore si sentirà a suo agio nel suo lavoro.

Sebbene fortemente sconsigliato, se una persona vuole davvero imparare e iniziare da sola, dovrà pianificare nel proprio budget (oltre alla formazione in materia di igiene), lo sviluppo di una stanza standardizzata e l’acquisto di attrezzature professionali. Una realtà di bilancio che spinge le persone in generale a optare finalmente per un apprendistato con un professionista.

Corso da tatuatore, quali sono i migliori a Roma

Scegliere un corso di formazione per tatuatori è un compito preliminare importante per chiunque voglia approcciare a questa professione artistica così peculiare. Bisogna innanzitutto informarsi sul numero di ore e sull’offerta proposta, sia in termini di teoria che di pratica (ricordiamo che il mestiere del tatuatore è pratico, quindi la formazione sul campo è quanto meno necessaria), senza ovviamente trascurare il suo costo e il nostro budget.

Proviamo ad elencare le nostre tre migliori offerte, più bonus, di corso tatuaggi Roma riconosciuti dalla regione Lazio.

  1. Corso Master Of Tattoo 400 Ore di REA VIS TATTOO: il punto di forza di questo corso per tattoo è che – a differenza di molti altri – questo comprenderà molta pratica. Già durante la prima lezione vengono forniti tutti gli strumenti del mestiere da avere sempre a disposizione man mano che si procede con le lezioni e con l’acquisizione delle singole competenze. Così l’allenamento sia della mano che dell’occhio, qualità necessarie per diventare un tatuatore non solo bravo, ma anche dallo stile strettamente personale e dal tratto subito riconoscibile, sarà graduale. Il tutto sotto l’occhio vigile dei docenti esperti.
  2. Corso Tatuaggio e Piercing (90 ore) Autorizzato dalla Regione Lazio di BSA – Beauty Space Academy scuola di estetica a Roma: è un corso che permette di essere abilitati alla professione di tatuatore con il minimo delle ore necessarie, in più offre 20 ore di pratica in omaggio. Il punto di forza è che riesce a condensare in queste ore una formazione adatta sia ai veri principianti, poiché parte dalle basi, sia agli esperti senza titolo che già eseguono tatuaggi ma non hanno il titolo per poterlo fare, dunque intendono regolarizzare la loro posizione legale.
  3. Corsi Tatuaggio Artistico Roma Colosseo della Imperium Arts: una diversa varietà di scelta di corsi per tatuatori a partire dal base riconosciuto dalla regione di 90 ore fino a opzioni sempre più specifiche e dai tempi più dilatati. Il punto di forza è che le lezioni sono individuali e vengono fissate a seconda della disponibilità di studente ed insegnante. Questo apre l’opportunità di adesione anche ai lavoratori.
  4. Corso tatuatore 600 ore Roma di Accademia Professionale Futura: questo corso ha una stringente selezione all’ingresso poiché offre ben 270 ore di formazione pratica, dunque necessita di tatuatori disponibili all’insegnamento sul campo e pronti a formare degli stagisti.

Qual è il compenso di un tatuatore

Quanto guadagna un tatuatore? Chiunque si è mai trovato ad avere esperienze di tatuaggi se lo è chiesto, ebbene il suo stipendio sarà legato alla frequentazione del suo salone, alla sua esperienza e reputazione. Dopo la ricerca, sembra che il range sia tra il salario minimo di categoria e 2.000 euro. Questo può rivelarsi molto più redditizio tra gli anglofoni, e in particolare nel continente nordamericano, dove questa attività è molto più popolare (in particolare spettacoli televisivi dedicati a questa professione).

Opportunità di carriera

L’evoluzione dipenderà dalla qualità del suo lavoro e dalla sua reputazione. In caso contrario, può essere un lavoratore autonomo, aprire altri saloni e formare altri futuri tatuatori. Oggi ci sono quasi 4.000 tatuatori in Italia. Una professione in pieno boom.

Quindi, per distinguersi quando si cerca un salone per imparare il mestiere, preparare un portfolio e conoscere il lavoro del tatuatore a cui ci si avvicina sembra essere il minimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.