Home Notizie Attualità Regione Piemonte e cambiamenti climatici, nuove strategie all’orizzonte

Regione Piemonte e cambiamenti climatici, nuove strategie all’orizzonte

L’obiettivo della Strategia regionale sui cambiamenti climatici (SRCC), avviata dalla Regione Piemonte con il supporto scientifico dell’Arpa Piemonte è quella di guidare il territorio piemontese in un percorso organico e integrato, per ridurre le emissioni di gas serra e la vulnerabilità dei sistemi naturali e socio-economici.

Attraverso le analisi dei dati di monitoraggio e le elaborazioni costantemente aggiornate dall’Arpa, è ormai evidente come il riscaldamento globale abbia determinato anche sul Piemonte effetti sulle temperature e cambiamenti nel regime delle precipitazioni, sia sulla variabilità interannuale e gli eventi estremi, sia sulle tendenze di più lungo periodo. Le temperature massime sono aumentate di quasi 2°C in 60 anni, in modo più marcato nelle zone montane e, negli ultimi 10-15 anni,  si continuano a registrare anni record con temperature elevate enfatizzate da ondate di calore anomalo estivo di particolare intensità ed inverni miti.

Le conseguenze sul territorio regionale sono tangibili: dagli effetti sulla salute per le ondate di calore, a lunghi periodi caratterizzati da incendi boschivi di particolare intensità, a condizioni di siccità alternate a eventi di precipitazione intensa, alla degradazione del permafrost con l’aumento dei fenomeni franosi, alla riduzione della copertura nevosa.(Regione Piemonte).

La lotta al cambiamento climatico e ai suoi effetti sull’ambiente, la biodiversità e le condizioni di vita dei cittadini è uno dei 17 obiettivi del millennio su cui lavora l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, che stabilisce un quadro globale per l’eliminazione della povertà e il conseguimento dello sviluppo sostenibile entro il 2030.

La Regione Piemonte si impegna quindi a riconoscere che la Strategia regionale sul cambiamento climatico incardina una delle principali azioni da mettere in atto per attuare sul proprio territorio la Strategia d’azione per lo sviluppo sostenibile. Per avviare su scala regionale l’attuazione verrà predisposto un documento di orientamento delle diverse politiche di piani e programmi di settore ad obiettivi strategici, volti ad incidere sia sulle cause, sia sugli effetti del cambiamento climatico. I modelli di azione della  green e circular economy rappresentano strumenti prioritari per il conseguimento degli obiettivi.