Brexit – uscita britannica – si riferisce al fatto che il Regno Unito lascerà l’UE. L’UE è un’unione economica e politica che coinvolge 28 paesi europei. Permette al libero scambio e alla libera circolazione delle persone di vivere e lavorare in qualunque paese scelgano.

Il Regno Unito si unì nel 1973 (quando era conosciuta come la Comunità economica europea). Se il Regno Unito lasciasse, sarebbe il primo stato membro a ritirarsi dall’UE.

Una votazione pubblica – o referendum – si è tenuta giovedì 23 giugno 2016 per decidere se il Regno Unito debba lasciare o rimanere.

L’abbandono dell’ UE ha vinto, 52% contro il 48%. L’affluenza al referendum è stata molto alta al 72%, con oltre 30 milioni di persone che hanno votato – 17,4 milioni di persone che hanno optato per la Brexit.

La Brexit, uscita della Gran Bretagna dall’ Ue, doveva originariamente partire il 29 marzo 2019. Due anni dopo l’allora Primo Ministro Theresa May ha innescato l’articolo 50 – il processo formale per partire – e ha dato il via ai negoziati. Ma la data della Brexit è stata ritardata due volte.

Nel novembre 2018 è stato concordato un accordo, ma i deputati lo hanno respinto tre volte.

Qual è l’affare Brexit?

L’accordo consisteva in un accordo di recesso – che stabiliva i termini per il processo di “divorzio”. C’era anche una dichiarazione politica – che delineava le future relazioni tra Regno Unito e UE.

L’accordo di recesso riguardava una serie di aspetti tra cui:

  • i diritti dei cittadini dell’UE nel Regno Unito e dei cittadini britannici nell’UE
  • quanti soldi il Regno Unito avrebbe dovuto pagare all’UE (si ritiene che fossero 39 miliardi di sterline)
  • il backstop per il confine irlandese

Il principale punto critico per molti parlamentari conservatori e DUP è stato il backstop.

Attualmente non esistono posti di frontiera o barriere fisiche tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda. Il backstop è progettato per garantire che continui dopo che il Regno Unito ha lasciato l’UE.

Il backstop sarebbe necessario solo se non fosse possibile trovare una soluzione permanente per evitare i controlli alle frontiere. Se fosse necessario, il backstop manterrebbe il Regno Unito in strette relazioni commerciali con l’UE per evitare del tutto i controlli.

Ma molti parlamentari erano critici. Dissero che se fosse stato usato il backstop, il Regno Unito avrebbe potuto rimanere intrappolato per anni. Ciò lascerebbe il Regno Unito bloccato nell’unione doganale dell’UE, impedendo al paese di concludere accordi commerciali con altri paesi.

La loro opposizione alla fine portò alle dimissioni di Theresa May.

Boris Johnson, che ha sostituito la signora May come primo ministro, afferma che esistono “abbondanti” soluzioni tecnologiche alla questione del confine irlandese

Il primo ministro Boris Johnson, che è subentrato alla signora May, afferma che l’UE deve rimuovere il sostegno dall’accordo.

Secondo il suo piano, l’Irlanda del Nord sarebbe rimasta nel mercato unico europeo delle merci ma avrebbe lasciato l’unione doganale. Ciò significherebbe nuovi controlli doganali, la maggior parte dei quali, potrebbero essere effettuati elettronicamente e lontano dal confine.

L’UE sta prendendo in considerazione il piano, ma se il piano viene respinto, Johnson afferma che il Regno Unito partirà comunque il 31 ottobre.

Cosa succederà dopo la Brexit?

Il governo del Regno Unito afferma di concentrarsi sulla conclusione di un nuovo accordo in occasione di un vertice dell’UE il 17 ottobre.

Se le parti non riuscissero a raggiungere un accordo, il signor Johnson potrebbe essere costretto a cercare una terza estensione della Brexit.

Questo perché i parlamentari hanno approvato una legge – nota come Benn Act – che prevede che il sig. Johnson richieda un ritardo sulla Brexit entro il 19 ottobre. Ciò riporterà la scadenza dal 31 ottobre al 31 gennaio 2020.

I parlamentari affermano che la legge è necessaria per prevenire una Brexit senza accordi.

Il PM non dovrà scrivere una lettera se i parlamentari approvano un accordo sulla Brexit o votano a favore della partenza senza alcun accordo.

Johnson insiste ancora che il Regno Unito partirà alla fine di ottobre. Non è chiaro come ciò accadrà se la legge lo richiede di chiedere una proroga.

Può ancora succedere una Brexit senza accordi?

Dopo che i parlamentari hanno votato a favore dell’estensione della scadenza per la Brexit, Johnson ha cercato di convocare elezioni anticipate.

Ma non abbastanza parlamentari hanno supportato il PM. Per innescare un’elezione anticipata almeno i due terzi devono sostenere l’idea.

I parlamentari dell’opposizione affermano che non appoggeranno le elezioni – o chiederanno un voto di sfiducia nei confronti del Primo Ministro – fino a quando non sarà attuata la legge volta a bloccare una Brexit senza accordo.

Una Brexit senza problemi causerà interruzioni?

Se il Regno Unito lascia l’unione doganale e il mercato unico il 31 ottobre, l’UE inizierà a effettuare controlli sulle merci britanniche. Ciò potrebbe comportare ritardi nei porti, come in quello di Dover. Alcuni temono che ciò possa comportare strozzature del traffico, interruzione delle rotte di approvvigionamento e danno all’economia.

Se la sterlina cala bruscamente in risposta a nessun accordo e ci sono ritardi significativi nei porti, come Dover, potrebbe influire sul prezzo e sulla disponibilità di alcuni alimenti. Vi sono inoltre preoccupazioni riguardo alle potenziali carenze di medicinali.

Johnson ha cercato di calmare tali paure annunciando ulteriori 2,1 miliardi di sterline di finanziamenti per prepararsi a un possibile risultato senza accordi.

Molti sostenitori della Brexit affermano che è difficile prevedere con precisione cosa accadrà o ritengono che eventuali perturbazioni economiche saranno di breve durata e minori.

Ma la maggior parte degli economisti e dei gruppi imprenditoriali ritiene che nessun accordo possa portare a danni economici.

Ad esempio, l’Ufficio per la responsabilità di bilancio – che fornisce un’analisi indipendente delle finanze pubbliche del Regno Unito – ritiene che una Brexit senza accordi causerebbe una recessione nel Regno Unito .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *